La leggenda delle Teste di Moro – Cosa è successo davvero?

 

Oggi celebriamo un bellissimo oggetto decor per la casa direttamente dalla Sicilia: le teste di Moro.

Questo simbolo tipico è generalmente rappresentato da un vaso di ceramica che viene riempito con fiori o piante. Viene esposto in casa o sul balcone e richiama antiche tradizioni siciliane. Ma da dove arriva l’ispirazione per questo oggetto? C’è una leggenda dietro questo simbolo? Beh vi spiegheremo tutte le curiosità proprio in questo post!

Esistono due versioni della storia sulle teste di Moro…ma nessuna delle due è particolarmente allegra! Vuoi scoprire di più? Facciamolo!

 

  • Prima versione – La vendetta di una donna

Durante l’anno 1000 A.C. la Sicilia era dominata dai mori. La leggenda dice che nel quartiere arabo di Palermo una giovane e bellissima donna passava le proprie giornate prendendosi cura delle sue piante sul balcone. Un giorno fu notata da un uomo, un moro, che dichiarò un amore così appassionato per lei tanto da ricambiare i suoi sentimenti. Sfortunatamente la donna non sapeva cosa nascondeva l’uomo…lui infatti aveva moglie e figli in oriente e sarebbe dovuto ritornare da loro. La donna fu così adirata e distrutta dal tradimento che decise di pianificare una terribile e oscura vendetta.

Durante una notte, mentre il moro dormiva, decise di ucciderlo così da non doverla mai abbandonare per la sua famiglia. Affinché l’uomo le stesse sempre vicino decise di tagliargli la testa e utilizzarla per il suo splendido balcone. Piantò, infine, al suo interno una pianta di basilico e la espose sul balcone. Ogni giorno la donna si prendeva cura della piante innaffiandola con le sue stesse lacrime.

Il basilico era così bello e rigoglioso che i vicini diventarono gelosi dello stesso e decisero di farselo riprodurre in terracotta per la propria casa.

Ed è così che tutta la storia del vaso ebbe inizio…

 

 

  • Seconda versione – Gli amanti senza testa

In un’altra versione della leggenda la giovane donna conquistata dal moro aveva nobili origini e iniziò con lui una relazione segreta. L’amore impossibile dei due venne presto scoperto e punito con la decapitazione dei due amanti. Per scoraggiare altri a fare come loro, le loro teste furono esposte come vasi. È per questo motivo che solitamente troviamo le teste di moro in coppia: una testa di donna e una di uomo.

Qui a Very Wonder abbiamo celebrato uno dei simboli della splendida regione del Sud Italia! Abbiamo realizzato, in acquerello, una versione della coppia richiamando la leggenda. Vi presentiamo Testa di Moro (donna) e Testa di Moro.

Se non sei riuscito/a ad avere la versione originale dell’acquerello, non perdere la riproduzione stampata fine art nella versione maschile e femminile.

Speriamo ti sia piaciuta la storia!